Home / Progetti 2007-2015 / Progetti sostenuti con i FONDI EMERGENZE / 2009. Terremoto Abruzzo

2009. Terremoto Abruzzo

2009. Terremoto Abruzzo

Grazie ai 483.000 mila euro a disposizione del Tavolo trentino per l'Abruzzo, dei quali 265.000 euro in donazioni raccolte tramite l'apposito Fondo Terremoto Abruzzo 2009 e messe a disposizione da Solidea onlus, sono stati finanziati 4 progetti post emergenza

Le iniziative finanziate dal tavolo trentino costituito da imprenditori e sindacati.

Al Fondo costituito dal tavolo degli imprenditori e sindacati, Solidea onlus ha contribuito con una parte delle donazioni raccolte: 200 mila euro.

Il Tavolo, con le disponibilità complessive, ha comperato sei case unifamiliari a Villa San Giovanni (del costo di 53 mila euro l’una) che sono state consegnate il 5 dicembre 2009.

Il Tavolo ha inoltre contribuito a sostenere l'ultimazione della scuola di Pizzoli (a nord dell’Aquila) per un importo di circa 100 mila euro.

 

Le iniziative finanziate dal tavolo provinciale delle associazioni.

Al Fondo costituito dal tavolo delle associazioni, Solidea onlus ha contribuito con la parte rimanente delle donazioni raccolte: 65 mila euro

E’ stata finanziata la realizzazione della chiesa in legno per il paese di Onna, con 50 mila euro.

Gli ultimi 15 mila euro sono stati versati ad una associazione abruzzese per la rinascita di Pescomaggiore, un piccolo villaggio di appena quarantacinque abitanti (molti anziani) che ha deciso di autocostruirsi le case andate distrutte utilizzando criteri di bioedilizia. Questo è uno dei progetti più interessanti della ricostruzione, perché testimonia la forza di volontà e la capacità di rinascita di questa popolazione. L’intervento ha avuto un costo complessivo di 200 mila euro ed è stato pensato come interamente autofinanziato da donazioni e per il resto dagli stessi beneficiari. E’ stato progettato da due giovani architetti e costruito con la mano d’opera degli stessi beneficiari e di volontari giunti da ogni parte d’Europa (anche dal Trentino, attraverso l’aiuto fornito dai gruppi dell’Associazione Nazionale Alpini di Caoria e Mezzano). Ciascun donatore di un importo pari o superiore a 250 euro è diventato membro con diritto di voto della “Tavola pescolana”, competente sull’approvazione del rendiconto di progetto e sull’utilizzazione dell’ecovillaggio.